IL PARCO DIFFUSO

E’ UN AMBIENTE SANO, UN TERRITORIO APERTO ED ACCOGLIENTE con NUOVI GIOCHI, FESTE, BALLI E CIBI DI QUALITA’ in AMBIENTI e STRUTTURE TURISTICHE

È un territorio produttivo e di notevole creatività socio-ambientale



E’ una fattoria aperta alla popolazione che propone giochi agricoli e laboratori per conoscere la vita rurale divertendosi.
Fattoria Ludico-Didattica
Sono agriturismi a vocazione ludica con giochi all’interno ed all’esterno e con degli itinerari piacevoli..
Agriturismi ludici

Aziende aperte alla popolazione per dei fine settimana all’insegna del buon gusto e sollazzo.

Aziende agricole

Con ampie valenze ludiche per comitive e giovani.

Ostelli e rifugi

Dove si riscopre ed impara il sano mangiare.

Il Parco culinario del Buon Gusto

I momenti di gioia collettiva delle comunità locali: da tutelare e valorizzare quali monumenti antropologici e fucine di creatività popolare.

Feste, Sagre e Carnevali

E’ ala riscoperta dei principi di una civiltà recentemente scomparsa legati all’Equilibrio, alla Creatività, all’Armonia ed all’Efficienza ambientale.

Gemellaggi Città-Campagna

Sono i percorsi che ci immergono in vari ambienti piacevoli, ludici e culturali che ci conducono ad aree gioco, rifugi, laghetti, paesi, fiumi, monti, ecc.

Itinerari

Manuale delle potenzialità ludico-culturali
di territori, vallate e comunità

Ogni comunità dovrebbe dotarsi di un opuscolo o manuale che mostri al turista tutto quello che viene offerto dal territorio, dai cibi all’artigianato, dall’ambiente al culturale e artistico: un biglietto da visita delle comunità locali come una Finestra sul…”Valdarno, Mugello, Casentino, ecc.
“Il criterio base è quello di giungere ad un assetto territoriale armonioso, accogliente e ludico, per fare in modo che in esso i cittadini si trovino bene ed i turisti vi si immergano a sommo piacere, mentre le popolazioni agricole trovino sostentamento da positive sinergie che valorizzano tutti e tutto.”
Per far questo occorre che la ricchezza prodotta dal territorio non sia bruciata ed esportata, ma investita nel luogo al fine di migliorare l’ambiente e la qualità della vita non solo del turista o del cittadino, ma pure delle popolazioni locali troppo spesso sradicate dal territorio e quindi alienate dai contesti locali.