Categorie
Senza categoria

I PARCHI del BUON SOLLAZZO

I PARCHI del BUON SOLLAZZO

Uniscono il buon mangiare al sano gioco. Sono composti da due realtà, una gastronomica e l’altra ludica.

AREA GASTRONOMICA

TAVOLI fissi o noleggiabili

GRIGLIE per arrostire carni, abbrustolire pane

FORNI per pizze, pani e schiacciate

PAIOLONE dove cuocere la pasta con reticelle personali

CUCINA da CAMPO per cucinare cibi

AREA LUDICA

AREA LISCIA per carretti, monopattini, pattini e giochi vari su piano liscio

CAMPI GIOCO per Basket, Pallavolo, Calcetto, Racchettoni, Palla rilanciata e giochi vari.

AREA GIOCHI di LANCIO per Kubb, Molky, Cornhole, Bocce, Bersagli, ecc.

GIOCHI da GIARDINO quali altalene, scivoli, ecc.

AREA LIBERA per Chiappino, Nascondino, 4 Cantoni, ecc.

CASETTA

SPACCIO di ALIMENTI – Prodotti locali di alta valenza alimentare da cuocere nel parco o da portare a casa la sera.

NOLEGGIO GIOCHI in scatola o da ambienti aperti quali carretti, pattini, monopattini, trampoli, sci a 2, palle, ecc.

CORSI, FESTE e COMPLEANNI – Area bar e ristorazione, area giochi, corsi  e laboratori al chiuso.

Il parco è provvisto di ambienti chiusi, quali locali, tettoie o ripari per ampliare l’offerta annuale e dare protezione agli utenti del parco in caso di maltempo.

LOCAZIONE

presso:

PAESI, BORGHI, CAMPEGGI o AREE SVANTAGGIATE che si dotano di un’area ludico-gastronomica che richiama cittadini e turisti.

FATTORIE, AGRITURISMI o AZIENDE AGRICOLE che ampliano la loro offerta e vendono i loro prodotti.

CASTELLI, VILLE, HOTEL, OSTELLI o BENI ARCHITETTONICI che valorizzano e ampliano la loro offerta turistica.

STRUTTURE SEQUESTRATE a MAFIE per dare utilità sociale alle medesime e opportunità produttive.

GESTIONE

COOPERATIVE o ASSOCIAZIONI – Gestiscono la Casetta-Spaccio. Tengono ordinato il parco. Accendono fuochi.  Vendono alimenti. Noleggiano giochi. Organizzano laboratori, corsi e feste. Insegnano giochi ed a giocare bene insieme.

Fanno scuola di sana alimentazione.

ECONOMIE

Il parco è autosufficiente!

Il parco deve avere autonomia economica per cui deve richiamare turisti e cittadini con pubblicità mirate a far passare piacevoli fine settimana a famiglie e turisti.

Il parco vende alimenti locali di qualità. Noleggia e vende giochi. Organizza feste. Possiede ristorazione e bar per spuntini e merende. Organizza corsi e laboratori.

UTENZA

I Turisti trovano nel gioco e mangiare bene un valore aggiunto nell’offerta di paesi, agriturismi, alberghi e fattorie.

I cittadini trovano dove andare in luoghi piacevoli senza lunghi viaggi, le famiglie dove passare una piacevole giornata con i figli, i giovani dove giocare ed aggregarsi, gli anziani dove mangiare e giocare insieme, gli handicappati ed extracomunitari dove sentirsi inseriti.

Nei Parchi del Buon Sollazzo si giunge preferibilmente con i mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta facendo lunghi o corti itinerari; itinerari segnati, animati, ma sempre piacevoli o belli.

Perché questo progetto

I parchi del Buon Sollazzo sono la proposta che nasce dalla richiesta di famiglie, bambini, giovani ed anziani nell’ambito di 20 anni di ludobus in piazze di paesi e città. Perché:

La crisi conduce le persone a ritrovare negli ambienti più prossimi forme di gratificazione a bassi costi.

Il gioco di qualità è un fattore di unione e di positive relazioni tra le persone.

Il buon cibo è fonte di salute e sviluppo di agricoltura e zootecnia locale.

I parchi-gioco sono lontani, tecnologici e troppo costosi.

I giovani ricercano lavori piacevoli

E’ inoltre indispensabile assecondare i seguenti bisogni di bambini, anziani, giovani e famiglie:

I bambini chiedono spazi per giocare liberamente e non andare solo nei centri commerciali o in macchina verso mete noiose.

I genitori chiedono spazi per feste e ritrovi dove stare bene con i loro figli.

I giovani chiedono spazi sani per aggregazione tramite gioco e convivialità.

Gli anziani chiedono di non essere emarginati, ma di vivere la loro età con figli e nipoti.

Gli handicappati chiedono di non essere segregati, ma inseriti in ambienti comuni.